Gli FPS più difficili da completare

Il genere dei first-person shooter (FPS), almeno come concetto, esiste fin dagli albori degli home computer, ma si è affermato solamente nel 1993 con l’uscita di Wolfenstein 3D e l’anno successivo con Doom.

Nel corso delle decadi, il campo si è saturato con molte varianti sull’idea originale, dal multiplayer di guerra Call of Duty, alla tensione di F.E.A.R. e Bioshock, fino alla fantascienza di Halo e Borderlands.

Con il reboot di Doom nel 2016, c’è stato un ritorno alle vere e proprie sfide brutali che hanno reso il genere FPS così popolare agli inizi. Qui ci sono alcuni dei titoli più complessi che potete provare a completare.

DOOM

Come per il titolo originale di John Romero, il reboot vede come protagonista un anonimo marine dello spazio che deve farsi largo tra orde di demoni che sgorgano da un portale per l’Inferno presente sulla superficie di Marte. È un ritorno al gameplay frenetico, che consente anche al giocatore di giustiziare i propri nemici con mosse speciali conosciute come “Glory Kills”. Inoltre c’è il ritorno del BFG 9000. Per una vera sfida i giocatori possono optare persino per la modalità Ultra Nightmare, nessun salvataggio, morte permanente!FPS 2

Devil Daggers

Se il reboot di Doom oltre al gameplay si incentra su un importantissimo miglioramento grafico rispetto l’originale, lo sviluppatore Sorath ha intrapreso l’approccio opposto con Devil Daggers. Questo titolo è deliberatamente realizzato con texture pixellate e artefatti visivi per offrire un effetto retrò anni ’90. Sorath al contempo lo ha reso ridicolmente difficile. Lo scopo di Devil Daggers è di sopravvivere il più a lungo possibile mentre un crescente numero di nemici prova a uccidervi in un’arena cupamente illuminata. Più a lungo sopravviverete, più in alto il vostro nickname apparirà nella classifica globale.FPS 3

Wolfenstein: The Old Blood

Un altro FPS che ha subito un reboot decenni dopo, Wolfenstein: The New Order è stato un successo di pubblico e critica. Il rilascio di un prequel, The Old Blood, c’è stato un approccio più action e con meno trama. Sono presenti numerosi Nightmare Levels nascosti che portano il giocatore all’originale Wolfenstein 3D.FPS 4

Dusk

Dusk è un FPS con uno stile retrò vecchio stile che sta venendo sviluppato da David Szymanski e pubblicato da New Blood Studios. Nel titolo il giocatore dovrà fronteggiare l’avanzata di soldati posseduti, cultisti impazziti e bifolchi arrabbiati. Nei trailer mostrati si vede un gameplay forsennato che offrirà di sicuro un’ottima sfida nella modalità endless.FPS 5

Strafe

Un altro titolo indie finanziato attraverso Kickstarter. Strafe introduce una grossa dose di humor all’interno dell’azione degli FPS. In Strafe vi ritroverete a esplorare l’interno dell’astronave abbandonata Icarus, ma non passerà molto prima che troviate pozze di sangue e decine di membri dell’equipaggio impazziti. Questo titolo ha anche il supporto per Oculus Rift in modo da offrire anche una vera esperienza VR.FPS 6


Tutti questi giochi non richiedono un comparto hardware esagerato per essere giocati al meglio, ma di sicuro avere un sistema solido per non perdere un solo fotogramma, e contemporaneamente poter effettuare lo streaming online.

Il ROG G752, e il ROG G701 sono abbastanza potenti da poter gestire questi giochi, lo streaming e persino i visori VR per immergersi a pieno nella brutalità degli FPS.g701 4